Tag Archives: Penguin

aNobii

19 Giu

anobii-mobile1

aNobii è uno dei social network dedicati ai libri più diffusi in Italia. Nato ad Hong Kong nell’agosto del 2005, prende il nome dall’Anobium punctatum, l’animale più comunemente noto come ‘tarlo della carta’ ed epiteto con cui nei paesi anglosassoni viene definito scherzosamente chi passa molto tempo sui libri (simile all’espressione italiana ‘topo da biblioteca’). Greg Sung, il giovane padre fondatore, decise di sperimentare le potenzialità del Web 2.0 per connettere tra loro comunità di lettori, in modo tale che essi stessi potessero interagire, scambiarsi opinioni, scrivere recensioni: in una parola, condividere.

L’idea prese forma nella mente di Greg proprio dopo aver letto un libro in merito ai nuovi sviluppi della Rete: come riportato in una recente intervista, egli avrebbe voluto trovare altre persone che avessero letto quel testo per discuterne e per farsi suggerire altri titoli. Ovviamente, le librerie tradizionali potevano al massimo fornirgli il numero di copie vendute, ma non i nomi degli acquirenti. Decise così di fondare aNobii, una piattaforma on-line dove chiunque potesse condividere le proprie letture. Inizialmente si trattava di una semplice community di lettori, evolutasi poi grazie al lavoro di personale specializzato e alla partecipazione di investitori appartenenti a HMV Group, HarperCollins, gruppo Random House e Penguin.

A quasi otto anni dall’apertura, sono stati inseriti più di trentasei milioni di libri, per un totale di seicentomila utenze attive medie al mese. Il Paese dove aNobii è più radicato è l’Italia, la quale fornisce il 60% circa degli iscritti (per maggiori informazioni, cliccate qui). Sainsboury’s ha comprato una quota del 64% di aNobii per entrare nella vendita libraria e per cercare di competere con Amazon in UK.

English version

aNobii

aNobii is one of the most common social book networks in Italy. It was founded in Hong Kong in the August 2005 and its name arrives from Anobium punctatum, an animal generally known as ‘bookworm’ and a joke to call the book lovers. Greg Sung, the young founder, decided to try Web 2.0 potentials to connect each other some readers communities and to let them interact, share opinions and write reviews: sharing was finally possible.

Greg had this idea after reading a book about Internet growth: as he explained in a recent interview, he would be glad to find other people who have read that book to discuss it and to let them suggest him other volumes. Bookshops could obviously tell him how many copies they had sell, but not customers’ names. So he decided to create aNobii, an online platform where everybody could share their readings. At the beginning, it was only a readers community; then it was developed by a specialized staff and by investors of HMV Group, HarperCollins, Random House Group and Penguin.

After almost eight years after his opening, more than 36 million books have been put in, with a medium of 600000 users per moths. Italy is the country were aNobii is most used with 60% of members (for more informations, click here). Sainsbury’s has bought a 64% stake in aNobii to enter in the book selling and to compete with Amazon in UK.